X Factor Italia – Edizione 2009 – Prima puntata

January 13, 2009 at 12:05 pm 1 comment

The Sakura Review

Ci si è annoiati abbastanza durante la prima serata di questa nuova edizione del talent show. Sicuramente da un programma come questo ci si aspettano esiti ben diversi da quelli di Amici o simili, fatti solo di urla, liti e artisti poco competenti. A X Factor, l’anno scorso, si sono esibiti artisti validi, e le serate sono state sempre incentrate sulle esibizioni. Le discussioni tra i giudici, poi, riguardavano quasi sempre questioni di natura musicale (o, meglio ancora, quesiti sulla validità dell’attuale sistema discografico).

Quest’anno il livello dei cantanti sembra ottimo, ma piatto. Tranne qualche eccezione, i concorrenti si dimostrano eccessivamente impostati, classici, poco personali, tanto bravi quanto banali insomma. Interessante la scelta di Luca Tommassini, che affiancherà i concorrenti nella creazione della loro personale immagine. Queste le prime impressioni:

Categoria 16-24 (Simona Ventura):
Ambramarie: si sente rock.  Probabilmente lo è, ma ieri sera la sua esibizione non ha dato modo di giudicarla.
Daniele Magro: si è fatto prestare la voce da Anastacia. Piattissima interpretazione di Crazy.
Giacomo Salvietti: stonato. Doveva uscire.
Serena Abrami: brava, senza dubbio, ma davvero abbiamo bisogno di una voce così poco originale?

Categoria 25+ (Morgan):
Elisa Rossi: bellissima voce, elegante, di classe, dall’impostazione vagamente ironica. Ottima scelta.
Noemi (Veronica Scopelliti): altra bellissima scelta da parte di Morgan.  Esibizione profonda e sentita.
Enrico Nordio: banalissimo e piattissimo.
Matteo Becucci: bella voce, Matteo sembra anche avere una bella personalità. Credo che anche qui Morgan abbia centrato.

Categoria gruppi vocali (Mara Maionchi):
Farias: non capisco cos’abbiano di speciale, vengono dalla Patagonia e per qualche ragione questo basta a giustificare le zazzere e il loro abbigliamento folkloristico. Bella versione di Bocca di rosa, ma concordo con Morgan: avrei preferito una versione in spagnolo, non una versione con accento ispanico.
Sinacria Symphony (eliminati): meno male che sono usciti, quel loro inglese è improponibile.
Sisters of Soul: mai nome fu più banale (e tutti lo pronunciano al singolare). La prima esibizione le porta giustamente alla quasi eliminazione, ma si riesibiscono mostrando un certo savoir faire. Per ora meritano di essere valutate meglio.
The Bastard Sons of Dioniso: in questo caso il nome mi convince, e l’esibizione pure. Davvero bravi e originali.

Insomma, per adesso niente di entusiasmante, sicuramente un buon livello per i cantanti in gara, ma spesso si riscontra una evidente carenza di personalità. Anche la serata in sé è stata piuttosto noiosa, di una prolissità a volte snervante. Facchinetti si dimostra ancora una volta incapace di fare il conduttore: dovrebbero eliminare la figura del presentatore in questo programma, e lasciar fare tutto ai giudici e alla voce fuori campo.

Advertisements

Entry filed under: Chronicles & criticism of television, In italiano. Tags: , , , , .

Patriarcato ≡ imperialismo? Vietato ai dementi

1 Comment Add your own

  • 1. Kika  |  February 5, 2009 at 8:47 pm

    ..Odio quelle scillette!! 😛

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Bookmarking & Tagging

Add to Technorati Favorites

Archives

Copyleft

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported License. If you want to use any part of it, read the licence. Always indicate the author and the URL.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Per utilizzarne una parte, leggere attentamente la licenza. Indicare sempre autore e URL.

%d bloggers like this: